Matilde Igt Toscana Bianco

15,60

Matilde Igt 2020 Toscana Bianco
Denominazione: IGT Toscana bianco
Varietà: 80% Incrocio Manzoni 6.0.13 20% Pinot Bianco.
Vinificazione: Pressatura delicata a 5 °C sulle bucce per 10 ore prefermentativa. Defecazione statica a 8°C e fermentazione a 17°C. 5 Mesi di maturazione in cemento sulle fecce fini , periodicamente mosse. 2 mesi di affinamento in bottiglia.
Descrizione: Giallo Paglierino. Al naso caldo e primaverile con note di agrumi e mandorle, intensi profumi di ginestra ed acacia.

957 disponibili

Descrizione

Matilde IGT Pinot Bianco, Incrocio Manzoni

Matilde IGT Pinot Bianco, Incrocio Manzoni

Matilde Igt 2020 Toscana Bianco
Denominazione:
IGT Toscana bianco
Varietà:
80% Incrocio Manzoni 6.0.13 20% Pinot Bianco.
Vinificazione:
Pressatura delicata a 5 °C sulle bucce per 10 ore prefermentativa. Defecazione statica a 8°C e fermentazione a 17°C. 5 Mesi di maturazione in cemento sulle fecce fini , periodicamente mosse. 2 mesi di affinamento in bottiglia.
Descrizione:
Giallo Paglierino. Al naso caldo e primaverile con note di agrumi e mandorle, intensi profumi di ginestra ed acacia.

L’Incrocio Manzoni o uva Manzoni è una famiglia di vitigni che prende il nome dal professor Luigi Manzoni (1888-1968) della più antica scuola di enologia italiana situata a Conegliano, in Veneto. Manzoni creò i nuovi vitigni selezionando, incrociando e innestando viti provenienti da diversi vigneti negli anni Venti e Trenta. La famiglia comprende varietà di uve bianche e rosse. Sebbene la maggior parte dei Manzoni sia coltivata nel nord-est dell’Italia, essi vengono coltivati principalmente nella zona del Piave, in provincia di Treviso, e solo ora iniziano a essere commercializzati in Europa e negli Stati Uniti.

Manzoni bianco or “Incrocio Manzoni 6.0.13”. È una varietà bianca nata da un incrocio tra uve Riesling e Pinot bianco e creata attraverso una serie di prove tra il 1930 e il 1935. Nel 2005 si è ipotizzato che lo Chardonnay, anziché il Pinot bianco, fosse il secondo genitore del Manzoni bianco, ma l’analisi del DNA ha dimostrato che l’incrocio originale del professor Manzoni è, in effetti, la parentela del Manzoni bianco. L’uva è conosciuta anche con gli ulteriori sinonimi di “I.M. 6.0.13”, “Incrocio Manzoni 6.0.13”, “Manzoni 6.0.13” e “Manzoni Bijeli”. Dai suoi genitori, il Manzoni bianco ha ereditato l’adattabilità a diversi terreni e condizioni climatiche dei vigneti. Ha inoltre una forte resistenza a molti rischi viticoli, tra cui l’esca apoplettica, l’oidio e il marciume acido. Come il Riesling, è un vitigno a maturazione medio-precoce. Nel 2000, c’erano 9.555 ettari di Manzoni bianco in Italia, per lo più nelle regioni Friuli, Trentino e Veneto, ma da allora le piantagioni si sono diffuse verso sud, tanto da essere presenti in Calabria, Molise e Puglia. L’uva può essere utilizzata per l’assemblaggio nei vini bianchi dei Colli di Conegliano (con un minimo del 30% dell’assemblaggio), nelle DOC Trentino bianco e come vitigno nella DOC Vincenza. Anche i produttori dei Vigneti delle Dolomiti IGT dell’Italia nord-orientale hanno sperimentato diversi stili varietali, tra cui spumanti e frizzanti ottenuti da uve raccolte tardivamente. Al di fuori dell’Italia, i viticoltori spagnoli della regione del Penedès, in Catalogna, hanno iniziato a piantare la varietà, producendo esempi varietali di vino invecchiati in rovere. Secondo il Master of Wine Jancis Robinson, il Manzoni bianco è considerato l’incrocio di maggior successo e qualità prodotto dal Professor Manzoni. Di solito viene prodotto come vino secco, ma i produttori hanno iniziato a produrre stili più corposi e non secchi, in modo simile a come i viticoltori tedeschi trattano il Riesling. Gli esempi varietali di Manzoni bianco tendono a essere ricchi e altamente aromatici, con note di miele, gelsomino, lime, buccia d’arancia e verbena.

Informazioni aggiuntive

Peso 1,5 kg

Ti potrebbe interessare…